petza-preparandosmall

La storia di Roberto Petza è quella di un sardo autentico. Ma non convenzionale. Nasce nel cuore antico dell’isola, nel 1968 a San Gavino Monreale, nel Campidano. Si diploma all’Istituto alberghiero di Alghero e capisce subito che è necessario lasciare la propria terra per poi ritrovarla. Gira, viaggia, in Italia e all’estero. Aggiorna le tecniche, impara l’arte della ristorazione. Poi torna nel suo paese nel 1998 e decide di mettere le mani, ormai esperte, nel territorio. Apre S’Apposentu. Anche se il luogo sembra remoto, il talento di Petza si impone. Il mondo dei gourmet si accorge di Roberto. Nel 2002 apre S’Apposentu a Cagliari, al Teatro Lirico. L’idea di cucina fatta di antichi sapori e nuove prospettive, è un successo. Contribuisce così a restituire alla Sardegna la sua grande dignità gastronomica soffocata spesso da un cibo banalizzato per i turisti. Guide, giornalisti, appassionati, in Italia e fuori, si esaltano. Arriva il riconoscimento della stella Michelin. Ma lo chef non si ferma. Nel 2010 sposta il ristorante a Siddi, nel cuore della Marmilla. Qui sperimenta una formula che mette il ristorante al centro di una rete che coinvolge contadini, allevatori, artigiani in connessione con l’Accademia, nel piccolo comune di Baradili, per la formazione dei Petza di domani.


Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+