Sulla bocca e sulla tavola

postato in: Prodotti | 0

Vivere e lavorare in un piccolo centro della Marmilla dà  la possibilità di conoscere e scoprire prodotti di cui probabilmente si potrebbe ignorare l’esistenza. Già, perché in questa parte di Sardegna esistono piccoli, spesso, piccolissimi produttori di cose eccelse, è il caso del miele di “sulla” (Hedysarum coronarium L.) sitz’è caboi o assudda. La sulla è una pianta foraggera e cresce spontaneamente nei paesi del Mediterraneo, basta un cucchiaio del suo miele perchè l’esplosione vellutata del gusto avvolga il palato sino a inebriare la mente e il cuore. Il profumo e il sapore di fiori, di una dolcezza non stucchevole, sono capaci di produrre sensazioni di godimento puro. La forza del prodotto è tale da indurre a provarne la trasformazione in una ricetta, per elaborare possibili abbinamenti che elevino quel sapore o per contrasto o per similitudine.
La grande persistenza in bocca che ha questo miele, oltre ad essere un godimento per il corpo e per l’anima, stuzzica la voglia di ricerca, di qualcosa che non snaturi, ma esalti e completi questo magnifico prodotto della natura.

Gamberi crudi con guazzetto di mele verdi e sedano, casu axedu e miele di sulla per 4 persone:

  • 8 gamberi rossi freschissimi
  • 2 mele verdi
  • 1 costa di sedano tenera
  • 1 limone
  • 1/4 di cipolla rossa tagliata sottilissima e messa in acqua e ghiaccio
  • 1 lime
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
  • 2 cucchiai abbondanti di miele
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale e pepe di mulinello
  • Foglie di nasturzio (in caso di non reperibilità potete sostituirlo con foglioline di rucola selvatica o fiori di senape selvatica)

Utensili: Centrifuga, 1 colino a maglia sottile, 1 grattugia, un coltello ben affilato.

Procedimento:
Pelare i gamberi, avendo cura di tenerli il più possibile intatti, adagiarli in un vassoio, salarli leggermente e marinarli con una grattata di scorza di lime, un cucchiaio li succo di lime, poco zenzero, ½ cucchiaio di miele, olio extra vergine, sale integrale e riporli in frigorifero.
Passare le mele e il sedano nella centrifuga, filtrare il succo ottenuto con il colino fine, aggiungere 1 cucchiaio di succo di limone, poco zenzero, ½ cucchiaio di miele, sale, il pepe appena macinato e 3 o 4 cucchiai di ottimo olio extra vergine d’oliva, (questo non deve essere un olio troppo forte, optate per un olio leggero, non piccante ma fruttato, in Sardegna ne abbiamo di eccelsi) mischiate bene in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino e lasciate riposare per qualche minuto in frigorifero.
Per finire il piatto:
prendere 4 piatti fondi, (se possibile completamente bianchi per esaltare i colori degli ingredienti), versare 3 cucchiai di guazzetto nel piatto, distribuire 3 cucchiaini di casu axedu e adagiarci sopra i gamberi, decorare con foglie si nasturzio e le cipolle ben asciugate, finire con un filo d’olio extra vergine e servire.
Questo è un piatto fresco e facile nella preparazione, gustatelo con un ottimo e fresco vino bianco con note saline e minerali.