Tre Forchette Gambero Rosso a S’Apposentu

postato in: In grammi, News | 0

S’Apposentu a Casa Puddu, ristorante dello chef stellato Roberto Petza, staziona anche quest’anno tra i 24 ristoranti ai quali vengono assegnate le prestigiose Tre Forchette che, secondo la Guida 2015 del Gambero Rosso, presentata oggi alla Città del Gusto di Roma e giunta al suo venticinquesimo anno, rappresentano le massime eccellenze del vasto panorama che contempla la ristorazione italiana. Ancora una conferma dunque per lo chef di San Gavino che con 90 punti, 54 per la cucina, 17 per la cantina, altrettanti per il servizio e 2 di bonus per i menù degustazione e la selezione dei formaggi affinati dallo chef, rimane in compagnia di quelli che sono considerati i “re della cucina italiana”: Massimo Bottura con l’Osteria Francescana (95 punti), Heinz Beck con La Pergola dell’Hotel Cavalieri (95 punti), Gennaro Esposito, con Torre del Saracino (93 punti), Gianfranco Vissani, con Casa Vissani (92 punti) Enrico Crippa, con Piazza Duomo (91 punti), Mauro Uliassi con l’omonimo ristorante (90 punti).

“Il lavoro svolto negli ultimi anni ha dell’incredibile – si legge nelle motivazioni della Guida – a partire dall’Accademia di Alta cucina da lui diretta, fino ad arrivare di fare di Siddi e della Marmilla un polo di eccellenza dell’enogastronomia che non ha eguali nell’isola. Grazie al S’Apposentu si sta pian piano rimettendo in moto un motore economico che questo territorio (chiamato la culla del grano) aveva dimenticato. E tutto questo giorno dopo giorno attraverso una cucina solida, capace di trasmettere sapori autentici, rispettosi delle materie prime (locali) ma sempre contraddistinti da una ricerca continua nelle tecniche di cottura, nelle preparazioni e nelle presentazioni. In più tanti prodotti arrivano dall’orto e dalla piccola fattoria adiacente alla struttura”.

Primo e unico sardo ad ottenere questo prestigioso riconoscimento, Roberto Petza, con le Tre Forchette del Gambero Rosso arriva dunque ad incassare il “quadriplete” delle bibbie dell’enogastronomia risultando nelle scorse settimane al primo posto in Sardegna e ai primissimi in Italia anche per le Guide Espresso, Michelin e Identità Golose.

“L’impegno nel mantenere questi standard e nel continuare a migliorarsi è la cosa più difficile – spiega Roberto Petza – ma quando arrivano questi riconoscimenti e quando gli altri ti confermano insieme ai grandissimi vuol dire che la strada che stiamo percorrendo insieme agli amici del ristorante e dell’Accademia è quella giusta”.